30 Luglio 2021

3 cose da sapere prima di essiccare un legno di conifera

Le conifere sono molto diffuse in tutto il mondo, soprattutto in Europa, Nord America, Sudafrica e Russia.

Ci vengono spesso richiesti impianti per questi legni e, in particolare, consigli e programmi sulla loro essiccazione.

I più conosciuti sono il Pino, l’Abete bianco, l’Abete rosso, il Larice e il Douglas che vengono utilizzati nell’edilizia, per l’arredamento d’interni e mobili, per imballaggi e altro ancora.

 

Ma vediamo quali sono le caratteristiche di queste specie legnose e cosa è utile sapere prima di procedere con la loro essiccazione:

   1. La loro resistenza meccanica, cioè lo sforzo massimo che sono in grado di sopportare prima di rompersi, di norma è modesta, come anche la loro durabilità.

   2. Contengono grandi quantità d’acqua ed il loro ritiro varia da basso a moderato.

   3. I rischi di torsione, collasso e cementazione sono molto bassi.

 

 

Con l’impianto adatto e il supporto degli esperti Incomac, sarà semplice essiccare questi legni alla perfezione.

 

Ti aiuteremo a scegliere l’impianto più adatto in base a:

   • combustibile o fonte energetica che hai a disposizione

   • provenienza della specie legnosa

   • destinazione finale del materiale.

 

 

ICD, TAG, PRE, IHT e MAC sono tra gli impianti Incomac più adatti per l’essiccazione dei legni resinosi.

Scopri qual è l’essiccatoio Incomac migliore per le tue esigenze: clicca qui.

 

Siamo inoltre in grado di fornirti ulteriori alternative tecnologiche personalizzate che possono garantire migliori risultati dal punto di vista energetico e dei consumi.

 

 

 

Non esitare a contattarci:

T. +39 0423 21646

@ info@incomac.com

 

 

 

Vuoi rimanere aggiornato sui contenuti Incomac?

Scorri più in basso ed iscriviti alla nostra newsletter!